fbpx

Aumento del prezzo dell’appalto determinato da un aumento dei costi o difficoltà dell’esecuzione

Uno dei problemi più frequenti per chi ristruttura casa riguarda l’aumento del prezzo dell’appalto rispetto a quello originariamente concordato. In questo articolo tratterò dell’aumento del prezzo dell’appalto determinato dall'aumento dei costi o dalla difficoltà dell’esecuzione.

aumento costi dell'appalto
Introduzione al problema

Uno dei problemi più frequenti che i miei clienti mi riferiscono riguarda l’aumento del prezzo dell’appalto rispetto a quello originariamente concordato. Si lamentano cioè che la ditta si trovi a presentare dei conti più salati e inattesi.

Ti dirò alla fine dell’articolo cosa fare per evitare questo problema.

Prima però devi sapere che la regola generale in materia di appalto a corpo è l’invariabilità del prezzo, per cui l’Appaltatore che esegue i lavori si assume il rischio economico che i costi da egli preventivati possano risultare superiori.

Tuttavia, il codice civile consente, in determinate ipotesi, l’adeguamento del corrispettivo.

Se hai stipulato un Contratto d’Appalto cosiddetto a corpo, cioè con prezzo invariabile, l’Appaltatore potrebbe avere diritto ad un aumento del prezzo solamente in 3 ipotesi:

  • se ci sono stati aumenti dei costi o l’esecuzione dei lavori si presenti particolarmente difficoltosa;
  • se ci sono state delle “varianti” rispetto al progetto originario;
  • in caso di lavori extra capitolato.

In questo articolo analizzeremo solamente la prima ipotesi: l’aumento del prezzo dell’appalto per aumento dei costi o difficoltà dell’esecuzione.

Aumento del prezzo per aumento del costo dei materiali

L’aumento del prezzo dell’appalto può verificarsi se, per circostanze imprevedibili e non imputabili ai contraenti, vi è un aumento del costo dei materiali da impiegare nei lavori. Sul costo dei materiali può incidere anche l’aumento del costo del trasporto degli stessi o l’aumento delle imposte fiscali applicate.

In questi casi, l’impresa avrà diritto alla revisione dei prezzi ma solo se vi sia stato un aumento dei costi in misura superiore al 10% del prezzo convenuto. 

La revisione del prezzo si calcolerà aumentando il corrispettivo pattuito di quella parte eccedente la misura del decimo.

 

Aumento del prezzo per aumento del costo della manodopera

Si ha aumento del costo della manodopera se vi sono aumenti delle retribuzioni degli operai e degli impiegati, compresi quelli per le assicurazioni sociali ed ogni altro contributo obbligatorio per il datore di lavoro.

Anche in questo caso, l’aumento di tali costi dovrà risultare come una circostanza imprevedibile rispetto a quando è stato stipulato il contratto e l’impresa avrà diritto alla revisione dei prezzi se vi sia stato un aumento dei costi in misura superiore al 10% del prezzo convenuto.

In entrambe le ipotesi che ti ho indicato, il diritto alla revisione del prezzo di appalto per aumento nel costo dei materiali o della mano d’opera è subordinato alla duplice condizione che l’incidenza di esso sul prezzo complessivo sia superiore al 10% e che, usando la diligenza e la perizia media, quel costo non fosse prevedibile al momento della sottoscrizione del contratto di appalto.

Aumento del prezzo per difficoltà dell’esecuzione dei lavori

Qualora si presentino eventi naturali non previsti dalle parti al momento della stipulazione del contratto, quali cause geologiche, idriche e simili, che rendano notevolmente più onerosa e difficoltosa la prestazione dell’appaltatore, questo ha diritto ad un equo compenso.

In questo caso, non è necessario che l’aumento del costo incida oltre il 10% sul prezzo inizialmente determinato.

Come evitare l’aumento del prezzo dell’appalto per aumento dei costi o difficoltà dell’esecuzione

Le previsione del codice civile che ti ho presentato sono derogabili. Le parti cioè possono stabilire di mantenere fermo il corrispettivo concordato a prescindere dal fatto che si verifichino queste ipotesi imprevedibili.

Se vuoi escludere la revisione del prezzo, evitare questi aumenti di prezzo e lasciarlo come originariamente concordato, devi introdurre nel contratto d’appalto una clausola ben scritta che contempli e disciplini le ipotesi che ti ho descritto, stabilendo l’inderogabilità del prezzo pattuito ai sensi dell’art. 1664 codice civile.

Condividi su facebook
Facebook
Condividi su twitter
Twitter
Condividi su facebook
Condividi su twitter

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Ristruttura casa senza costi imprevisti

Perché aumentano i costi della ristrutturazione? Quali sono i costi che puoi controllare e come farlo!
GRATIS